LEONE

    NOME SCIENTIFICO: Panthera leo
    DISTRIBUZIONE: Attualmente il leone è diffuso in gran parte dell’ Africa sub-shaariana, infatti le popolazioni nordafricane e mediorientali, sono da considerarsi estinte. Una popolazione di poche centinaia di leoni asiatici sopravvive inoltre nel Parco nazionale del Sasan-Gir, nello Stato dei Gujarat in India
    HABITAT: l'habitat naturale di questi animali è la savana, i leoni evitano fitte foreste e giungle, nonché aree desertiche, in quanto povere di selvaggina. In Africa , li troviamo nella prateria della savana ricca di alberi di Acacia, che offrono all'animale un efficace riparo dal sole. In India invece l'habitat dei leoni è un misto di savana secca e di boscaglia decidua
    CLASSE: Mammalia
    ORDINE: Carnivora
    FAMIGLIA: Felidae
    GENERE: Panthera
    SPECIE: Leo
    DIMENSIONI: E’ il secondo felino più grande, inferiore solo alla tigre siberiana, infatti i maschi possono raggiungere i 250kg con una lunghezza di oltre 200 cm coda esclusa
    RIPRODUZIONE: L'accoppiamento non avviene in stagioni specifiche, ma le femmine sono poliestre. Nel periodo del calore, la femmina può accoppiarsi con più di un maschio, e una sessione di accoppiamento può durare anche per diversi giorni, durante i quali la coppia si incontra da venti a quaranta volte al giorno e tralascia spesso anche l'alimentazione. La gestazione dura in media 110 giorni, e la femmina da alla luce da 1 a 4 cuccioli, cechi e inetti, in un covile appartato, che può essere rappresentato da una macchia di boscaglia, un letto di canne, una grotta o un altro luogo protetto. Essa si allontana pertanto dal branco al momento del parto, rientrandovi solo quando i cuccioli avranno 6-8 settimane. Spesso le femmine collaborano tra di loro nell’allevamento dei piccoli. Lo svezzamento viene completato intorno ai 7 mesi, ma i giovani leoni saranno totalmente indipendenti a circa 2 anni di vita
    STATO DI CONSERVAZIONE: Rischio medio
    DESCRIZIONE:

    Il leone è da sempre considerato il re degli animali, forse per l’aspetto fiero e la folta criniera che come una corona gli circonda la massiccia testa o forse perché è il più grosso felino africano. Proprio come un re, il maschio di leone , passa le sue giornate, riposando all’ombra, mentre le femmine, vanno a caccia per lui; infatti sono le leonesse assieme ai maschi giovani , che procurano la carne per il branco. I pasti vengono consumati secondo uno stretto ordine gerarchico.




    Ritorna agli animali