CRISOCIONE

    NOME SCIENTIFICO: Chrysocyon brachyurus
    DISTRIBUZIONE: Sud-America (Brasile meridionale, Uruguay, Bolivia, zona orientale delle Ande)
    HABITAT: zone boscose e savane
    CLASSE: Mammalia
    ORDINE: Artiodactyla
    FAMIGLIA: Canidae
    GENERE: Chrysocyon
    SPECIE: C. Brachyurus
    DIMENSIONI: altezza 1,20 m, peso 20-30 Kg
    RIPRODUZIONE: gestazione di 67 giorni, fino a 6 cuccioli
    STATO DI CONSERVAZIONE: Rischio estinzione (in Uruguay è già estinto), si ritiene che non esistano più di 2200 esemplari in natura
    DESCRIZIONE:

    Il crisocione è differente dagli altri canidi come il lupo, il licaone o il cuon perché non vive in branco e non caccia grosse prede. Le coppie si formano solo per allevare la prole. E’ un cacciatore notturno, può catturare lepri, uccelli e piccoli roditori, ma si nutre anche di vegetali dei quali il più importante è il pomodoro selvatico Solanum lycocarpum, che sembra avere un ruolo importante nella protezione dei reni da agenti infettivi. Attraverso gli escrementi il crisocione disperde i semi della pianta: questo processo si chiama simbiosi. Il nome scientifico della specie deriva dal greco chrysos, oro, e cyon, cane ovvero cane dorato. Può vivere fino a 12-15 anni.




    Ritorna agli animali